Industrie Insalubri RIR – Matelica e non solo…

Striscione della manifestazione contro le industrie insalubri nel territorio Fabriano Matelica Cerreto
Uno striscione della manifestazione contro le industrie insalubri nel territorio Fabriano Matelica Cerreto

Bella, colorata e partecipata manifestazione Sabato pomeriggio a Cerreto organizzata dal comitato delle donne di Matelica ed Esanatoglia contro la scelta dell’Amministrazione di Matelica di aprire le porte all’insediamento delle Industrie Insalubri RIR mediante una delibera. Il MoVimento 5 Stelle era presente con attivisti di Matelica, Cerreto e Fabriano senza bandiere per sostenere una battaglia che viene fatta per la difesa della salute dei cittadini e che quindi non può lasciare spazio a colori politici. Gli interventi del Sindaco di Cerreto e del Sindaco di Fabriano ci hanno però lasciato un pò confusi.

Il Sindaco di Cerreto, che ricordiamo essere espressione del PD, tra le altre cose si è scagliato contro la centrale Biogas realizzata a Matelica per poi sottolineare l’importanza della difesa dell’ambiente “bene prezioso al quale i giovani stanno mostrando sempre maggiore interesse come mostra l’aumento delle iscrizioni registrate dall’Istituto Tecnico Agrario di Fabriano”.

Da queste affermazioni nascono due considerazioni:

  1. Cosa aspettano i sindaci di sponda PD a prendere una posizione forte e ufficiale contro le politiche della Giunta Regionale PD? Siamo sinceramente stanchi di sentire tali sindaci dichiararsi contrari alle decisioni della Giunta Regionale e del suo Presidente Spacca e poi vederli piegati ad accettare qualsiasi cosa venga calato sui loro territori. Ci aspetteremmo un gesto di coerenza: riconsegnate le fasce tricolori ! Dite basta alla politica regionale che sta mettendo in serio rischio la salute dei vostri cittadini !
  2. Al tuo fianco caro Alessandroni avevi un Sindaco che niente sta facendo per scongiurare la sottrazione di terreno a quella scuola che tu hai menzionato. Prova a convincerlo tu perchè a noi e ai cittadini di Fabriano proprio non da retta…chissà perchè.

Il Sindaco di Fabriano non è stato da meno. Si è ben guardato dal dire che è venuto a conoscenza della problematica solo grazie a una mozione del MoVimento 5 Stelle Fabriano ed ha parlato genericamente di “informazione avuta dal Consiglio Comunale”. Prima di allora ( e parliamo di circa 1 mese fa) lui e la sua Giunta nulla sapevano! Anzi…ha avuto anche il coraggio di mettere in dubbio quello che gli era stato segnalato “se quello che mi dite è vero dovrò informarmi” disse durante la seduta consiliare del 26 Febbraio quando gli parlammo del pericolo dell’insediamento delle industrie insalubri. Durante il suo intervento al termine della manifestazione di Sabato ha mostrato un corposo fascicolo dicendo che sta raccogliendo materiale e informazioni e che si esprimerà contrariamente alla delibera del Comune di Matelica.

Bene caro Sindaco…viene però spontaneo chiedersi: Perchè non ha fatto lo stesso nel caso del progetto dell’impianto eolico previsto a Monte della Rocca sopra Campodiegoli? Perchè non si è mai espresso nei confronti della costruzione della centrale Biogas a Matelica? Non sono anche questi degli insediamenti che si ripercuoteranno negativamente sulla economia del nostro territorio? Proviamo a dare qualche risposta per toglierla dall’imbarazzo: Non sarà forse per il fatto che sono progetti dettati dalla politica della Regione contro la quale non sa e non può esprimersi? Non sarà perchè in questi due progetti sono coinvolti personaggi (tra cui Merloni) contro i quali non sa, non può e non vuole schierarsi?

La Coerenza, la Correttezza, l’Azione sempre e comunque a favore dei cittadini, la Responsabilità verso il ruolo che si ricopre con un mandato a tempo determinato sono doti che ci aspetteremmo dai sindaci che amministrano i nostri territori….ma forse chiediamo troppo.

Gabriele – M5S Fabriano

CI PISCIANO IN TESTA E CI DICONO CHE PIOVE!!

Ultimamente dobbiamo essere sinceri ci è sorto un dubbio! All’inizio forse non ce lo aspettavamo proprio così, ma piano piano, seduta dopo seduta ci è venuta non so come la convinzione che questa maggioranza e questa giunta ci stiano prendendo per i fondelli (usando termini politically correct).

E dobbiamo dire che la cosa LOGORA ASSAI! Abbiamo quella sensazione strana nelle budella come quando hai un rospo dentro e non sai se riuscirai ad essere tu politically correct fino alla fine, perchè in fondo tutti abbiamo dei limiti di sopportazione.

E allora diciamolo:

  • Siamo stanchi della melina in consiglio comunale aspettando che gli eventi compiano un corso INNATURALE voluto da altri.
  • Siamo stanchi di MURI PRETESTUOSI contro proposte che poi realizzeranno facendole passare per proprie
  • Siamo stanchi di vedere discusse le nostre mozioni mesi dopo averle presentate e RICEVERE RISPOSTE SUPERFICIALI o certe volte COMPLETAMENTE SBALLATE

Detto questo abbiamo montato per voi un video che ben sintetizza questo malessere su di un argomento molto importante, la Nuova Casa di Riposo. Sconsigliamo la visione agli irascibili.

Per chi avesse il dubbio che il montaggio video possa inficiare il significato dei video integrali potete visionare i filmati completi ai seguenti link:

Costi fantasma Casa di Riposo
Possibilità di Recesso Project Financing

William – Fabriano 5 Stelle

Riflessioni sul voto negativo al Bilancio 2012

Aspettavamo con un misto di ansia, curiosità e speranza la pubblicazione del bilancio previsionale 2012 e ora una volta pubblicato rimane solo l’ansia. È stato presentato un documento fatto di colonne e righe piene di numeri sterili. Bisogna ammettere e dare atto che l’amministrazione in questo si dimostra al passo con i tempi: a livello nazionale stiamo assistendo alle sforbiciate del governo tecnico che ragiona solo a livello di numeri e la stessa cosa viene fatta qui a livello locale. La curiosità e la speranza sono state spazzate via dall’assenza di una visione di insieme degli interventi che il bilancio previsionale porta con se e che solo la relazione tecnica di ognuno degli assessori poteva indicare. I numeri non sono accompagnati da nessuna idea, da nessuna linea di sviluppo, da nessuna visione per il futuro, come se il 2012 possa considerarsi un anno sabbatico, come se Fabriano possa permettersi di considerare il 2012 ormai finito, come se non valesse la pena sprecarsi e mettere in atto, concretizzare le indicazioni riportate nel programma elettorale con il quale la coalizione che ha sostenuto Sagramola ha ottenuto il mandato da parte dei cittadini. Nel programma, per chi se lo fosse dimenticato anche tra i banchi della maggioranza, c’erano parole come partecipazione, attenzione per le nuove generazioni, attenzione per il territorio, sviluppo, futuro, collaborazione. Le abbiamo cercate tra i numeri e all’interno della relazione tecnica di Tini ma non le abbiamo trovate. Il 2012 viene fatto scivolare via così, tra il tentativo di scaricare tutte le colpe sull’amministrazione che vi ha preceduto, il vorrei ma non posso e la scusa dell’urgenza per giustificare l’assenza di un’idea, di un obiettivo a lungo termine. La possibilità di partecipazione dei cittadini viene rimandata all’anno prossimo, per motivi di urgenza; il consiglio comunale più importante dell’anno viene convocato con soli 6 giorni di preavviso contro gli 8 previsti dal regolamento per motivi di urgenza, eppure più volte il vicesindaco e il presidente del consiglio comunale nelle scorse sedute consiliari hanno richiamato l’importanza del rispetto delle regole dicendosi anche garanti delle stesse. Le parole hanno un significato e un peso. Hanno un peso le parole scritte nei programmi perché sono sulla base di quelle che si viene eletti e non si può quindi sospendere la validità delle stesse per un anno e hanno un peso le parole dette subito dopo lo spoglio delle schede del voto del ballottaggio. Ricordiamo chiaramente che le prime parole pronunciate a fine elezioni furono: “Continua il buon governo della città” e per quanto nelle scorse 3 sedute consiliari e nella relazione tecnica allegata al bilancio, il vicesindaco Tini abbia tentato nelle sue dichiarazioni di distaccarsi da questa idea, quelle parole rimangono pesanti come un macigno e rimarranno li come un anello di congiunzione tra le attività delle due giunte Sorci e l’attuale Giunta.
Diciamo tutto questo perché il senso di responsabilità che viene chiesto nella votazione di oggi noi lo abbiamo dimostrato già con la nostra presenza; una presenza che non era affatto scontata visto il mancato rispetto delle regole nei tempi di convocazione e visto che siamo stati praticamente messi nella condizione di non poter intervenire per modificare alcunché all’interno del bilancio. Perciò ognuno si faccia carico delle proprie responsabilità. La maggioranza si faccia carico della responsabilità di approvare un bilancio basato sul nulla. La maggioranza si faccia carico di un bilancio previsionale figlio della situazione lasciata dalle amministrazioni precedenti delle quali essa stessa è figlia. La maggioranza rappresenta o no la continuazione del “buon governo” della città? Gli Assessori Paglialunga e Balducci sono o non sono espressione della continuità dalla vecchia Giunta? L’assessore Alianello era o no seduto tra i banchi della maggioranza negli ultimi 5 anni? Ha votato o no a favore di tutte le proposte e i documenti presentati nella scorsa amministrazione? I dirigenti sono o no gli stessi che hanno avallato le decisioni negli ultimi 5 anni? Tra i banchi dell’attuale maggioranza siedono o no molti degli stessi consiglieri che occupavano quei posti nella scorsa legislatura? E tutti ci ricordiamo che i consiglieri dell’UDC negli ultimi mesi della Giunta Sorci quando si erano decisi gli accordi per le elezioni hanno smesso di fare opposizione astenendosi a tutte le votazioni.
Quindi il gioco che si è tentato di fare fin qui, ossia quello di provare a fare un taglio netto con la passata gestione non funziona. La responsabilità del pregresso e delle decisioni che qui oggi vengono prese ricadono tutte su di voi. Il vostro mandato durerà 5 anni, il primo se n’è andato così. A conti fatti il 20% di quello che vi siete impegnati a fare di fronte ai cittadini viene rimandato ai prossimi 4… buon lavoro.

Gabriele – M5S Fabriano


Invitiamo a leggere la Relazione Politica sul Bilancio di Previsione 2012 dell’assessore al bilancio Angelo Tini, nel quale scrive in riferimento alle politiche della giunta precedente di invertire la tendenza, non certamente degna di un “buon governo”… praticamente se lo dicono da soli!
> Relazione politica – BILANCIO DI PREVISIONE 2012 – Assessore Tini