CONSORZIO DI BONIFICA…

Sito consorzio marche:   http://www.bonificamarche.it/

Link documento editabile online:
http://www.bonificamarche.it/ATTACH/1/BLOG/226-795-RICHIESTA%20DI%20DISCARICO%20PARZIALE%20O%20TOTALE.pdf

Modulo da scaricare: 226-795-RICHIESTA DI DISCARICO PARZIALE O TOTALE

ESEMPIO COMPILAZIONE MODULO

photo_2015-07-14_16-12-45Da mandare tramite FAX 0721/379092 oppure tramite email settoreruoli@bonificamarche.it

Segnaliamo i seguenti riferimenti normativi

La sentenza 654/2012 della Cassazione stabilisce che i proprietari degli immobili siti nel comprensorio concorrano alle spese relative alle opere consortili solo se i beni di loro proprietà traggano beneficio dalle opere. L’utilità, poi, dev’essere diretta e specifica, strettamente connessa all’immobile e tale da incrementarne il valore, non essendo sufficiente un vantaggio che costituisca mero riflesso dell’inclusione del bene nel comprensorio di bonifica’.

MARCHE, L.R. n. 13/2013 (Art. 6 – Partecipazione al consorzio e ruoli di contribuenza)
2.La contribuenza per gli immobili che traggono beneficio dall’attività del consorzio è determinata sulla base di un piano di classifica e di riparto per ogni comprensorio, deliberato dal consorzio, viste le delibere dei comprensori e in attuazione degli indirizzi stabiliti dalla Giunta regionale, solo in assolvimento degli obblighi a carico dei privati ai sensi dell’articolo 868 del codice civile.
…………….
5.La contribuenza determinata sulla base del piano di classifica e di riparto e per l’attuazione del piano di bonifica o qualora gli enti locali si avvalgono delle convenzioni di cui all’articolo 3, comma 3, deve essere trasmessa o comunicata preventivamente a tutti gli interessati, che ne devono conoscere l’utilizzo, e le modalità di riscossione devono restare in capo al consorzio.

Movimento 5 Stelle Fabriano

Sostegno al WWF per il ricorso al TAR contro le industrie insalubri a Matelica

Sul sito del WWF Ancona si può effettuare una donazione per sostenere la battaglia del WWF per il pagamento delle spese legali del ricorso al TAR contro le industrie insalubri a Matelica. Potete girare questo messaggio a tutti i vostri contatti per coinvolgere sempre più persone nella difesa dell’ ambiente e della nostra salute.

Vi ringrazio.
Danilo Baldini – Consigliere regionale WWF Marche

 contatore

«Buongiorno Fabriano»

Svegliarsi e capire che se non ti occupi di politica la politica si occuperà di te.

E’ chiaro che quello che sta succedendo a Fabriano dopo l’arrivo delle cartelle TARES con file chilometriche all’ufficio tributi, dimostra una cosa, che questa tassa sui rifiuti, è incostituzionale perché viola, in particolare, l’articolo 53 della Costituzione.

«Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività».

Ma secondo la Tares, si paga in base alla superficie calpestabile, senza considerare reddito né valore degli immobili. Per noi «è una tassa patrimoniale cieca, che tassa in egual misura l’immobile di pregio e la bettola di periferia». «La Tares è la goccia che fa traboccare il vaso, in una situazione al tracollo».
Abbiamo capito, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che siamo in mano di pazzi in libertà che utilizzano i cittadini come bancomat. E’ ora, una volta per tutte, di finirla ed é per questo che come Movimento 5 Stelle abbiamo depositato, per la discussione in Consiglio Comunale, un Atto di Indirizzo sulla Gestione Rifiuti basata sul criterio, che anche l’Europa promuove e che già alcuni Comuni in Italia applicano, “chi produce meno rifiuti e fa meglio la raccolta differenziata paga di meno” che alleghiamo e che risponde ad un criterio di Tariffazione Puntuale.

ATTO di INDIRIZZO_01

Joselito – Movimento 5 Stelle Fabriano