Ancora condannati in consiglio comunale? NO GRAZIE.

tribunale

Martedì 21 abbiamo ritirato i casellari penali e dei carichi pendenti delle 23 persone che chiederanno la certificazione per far parte della lista del Movimento 5 Stelle che si presenterà alle prossime elezioni comunali. Come ci aspettavamo i casellari sono tutti risultati lindi e pinti! 39,68 euro a testa ben spesi. Le rivoluzioni passano anche da gesti semplici e che dovrebbero essere considerati normali. Ma si sa che quando c’è bisogno di una rivoluzione significa che non si sta vivendo la normalità. Ecco che allora dimostrare di essere incensurati per potersi candidare a ricoprire la carica di consigliere comunale (per noi portavoce) in Italia diventa un piccolo grande gesto rivoluzionario! Nel 2013 chiedemmo in Consiglio Comunale a #Fabriano, mediante una mozione, di escludere tutti i condannati dalla carica di Consigliere e di Assessore. Chiaramente fecero scudo tra di loro e bocciarono l’atto. Ora rilanciamo la sfida: chi si candida nella lista del MoVimento 5 Stelle deve dimostrare di essere incensurato procurandosi (a proprie spese) il casellario dei carichi pendenti e il casellario penale. Ebbene: perchè non lo fanno anche gli altri? Sarebbe un gesto di responsabilità di fronte a tutta la comunità.

“Gli uomini politici non devono soltanto essere onesti, ma lo devono anche apparire” Cit.:Paolo Borsellino

Leave a Reply

Your email address will not be published.