UN CAFFE’ CON IL CANDIDATO SINDACO

caffeCrediamo che il meccanismo che stiamo proponendo sia molto chiaro e semplice.

L’iniziativa: caffè col candidato
Quando: quando volete
Come: chiamata o messaggio al 3205397282
Perché: “Caffè col candidato” è la prima iniziativa che il Movimento 5 Stelle di Fabriano  lancia per condividere con voi cittadini le proprie idee e, soprattutto, per ascoltarvi.

Il nostro progetto di una Fabriano nuova funziona se ognuno di noi da il proprio contributo, e contribuire vuol dire esprimersi, dirci come la pensate, cosa vi immaginate per questa città da qui ai prossimi 20 o 30 anni. L’iniziativa “caffè col candidato” è rivolta ai curiosi, a chi vuole esprimere le proprie idee e a chi vuole ascoltare cosa il nostro Movimento ha in mente per Fabriano. Per invitare il candidato a un caffè, basterà mandare un messaggio o telefonare al 3205397282, indicando i propri dati insieme ad ora e luogo dell’appuntamento. Verrete poi ricontattati per la conferma. Abbiamo pensato anche a gruppi numerosi: in questo caso, il caffè può diventare una piacevole cena tutti insieme.

Gabriele Santarelli – Attivista del MoVimento 5 Stelle di Fabriano

LETTERA APERTA AL MIO CANDIDATO SINDACO…

foto-da-william-giordano

Gabriele tu sei quel che sei grazie a ciò che siamo tutti!

Ciao Gabriele, ti scrivo con un pizzico di emozione, scorrono, come da un finestrino di un treno in corsa, i fotogrammi di un viaggio esaltante che tutti insieme, grazie al Movimento 5 Stelle, abbiamo e stiamo vivendo. Ricordo ancora il primo incontro, tipo quattro amici al bar, quando decidemmo che a Fabriano il piatto dell’indecenza politica era colmo e che era il momento di dare un progetto per il futuro della nostra comunità. Poi le elezioni comunali nel 2012, mi avete dato l’onore di rappresentarvi come portavoce a candidato sindaco, qualcuno ci disse che occhio e croce avremo preso massimo tra il 3/4%, arrivammo quasi al 16% e il veggente ci guardò da dietro.

Io e Sergio in Consiglio Comunale, 5 anni passati a lavorare dando il nostro meglio per Fabriano, sempre a disposizione dei cittadini, aprendo quella scatoletta di tonno dove quello che abbiamo trovato dentro non era pesce ma la puzza di qualcosa ormai andato a male. In mezzo le politiche del 2013 con Patrizia e Serenella elette, la delusione delle Europee e poi le Regionali nel 2015 dove, Gabriele, abbiamo mancato, per una manciata di voti, la tua elezione in Regione avendo avuto, grazie a te, il merito di non far entrare a Palazzo Raffaello, qualche tronfio della politica fabrianese. Poi il problema di salute di Sergio che ci ha tagliato un po’ a tutti le gambe, ci manca tutto di lui, la sua generosità senza limiti, la sua capacità di stare in mezzo alla gente in amicizia e quel sano vaffanculo da non lesinare mai a chi ha mancato di rispetto a questa città. E’ proprio per tutto il percorso fatto e con una decisione unanime e condivisa da tutti che tu Gabriele sei orgogliosamente il mio candidato sindaco, estremamente preparato conosci bene lo stato centrale grazie alla collaborazione con Patrizia alla Camera dei Deputati, analizzi e sai leggere benissimo tutte le situazioni, dote indispensabile quando da Sindaco, insieme, disegneremo un’altra Fabriano. Sarà vivace, virtuosa e solidale, capace di ascoltare e dare risposte ai bisogni dei cittadini e delle famiglie, rispettosa del territorio, dei beni comuni e della salute, volano di nuove opportunità di lavoro, promotrice di benessere e di crescita culturale. Guidata da un’amministrazione sobria, fresca e competente. Fabriano ha bisogno di un vero progetto di cambiamento. E questo non può certo essere concepito e tanto meno realizzato da chi ha già rivestito più volte incarichi di governo cittadino ed oggi cerca di proporsi come nuovo al centro della scena politica Fabrianese.

Ti passo insieme a Sergio orgogliosamente una sorta di testimone, pensiamo di aver tirato, come ciclisti, una volata importante che solo tu, insieme a tutti noi, puoi completare. Fausto Coppi diceva che per un corridore il momento più esaltante non è quando si taglia il traguardo da vincitori. E’ invece quello della decisione, di quando si decide di scattare, di quando si decide di andare avanti. Vamos Gabriele!!!

Joselito Arcioni – Portavoce del MoVimento 5 Stelle al Comune di Fabriano

NON UN BANALE GRAZIE!

foto-da-william-giordano

Grazie! Non un banale grazie. Un grazie che vorrei gridare per permettergli di diffondersi e raggiungervi tutti. Un grazie colmo di affetto per ognuno di voi che vi raggiunga però sussurrato. Una sorta di sussurro gridato!
Mi avete, mi state, inondando di messaggi come mai avrei potuto immaginare. Messaggi privati e pubblici da tutta la regione e anche oltre. Lasciatemi dire una cosa: me li prendo tutti, me li coccolo e li metto da parte per quando, ne sono certo, mi serviranno.
Mi conoscete, quindi è inutile dirvi quanto possa sentire il peso dell’incarico che questi pazzi hanno deciso di darmi. I vostri messaggi da una parte mi rincuorano ma dall’altra mi caricano di aspettative. Sappiate che le vostre aspettative sono tutte ben riposte!!! A parte gli scherzi! Come in tutte le cose che ho fatto fin qui posso assicurarvi che dedicherò anima e cuore a questa avventura sperando che siano sufficienti. Una persona che stimo molto mi ha chiamato al telefono e mi ha detto: però mi raccomando non esagerare. Ecco, non sono sicuro di farcela a frenarmi! Chiaramente non sarò solo e questo renderà tutto più facile e bello. Ho la fortuna di essere circondato da un gruppo stupendo che con la formazione della lista ha aggiunto elementi preziosi. Sono orgoglioso di questo perché quando le persone decidono di metterci la faccia significa che si è lavorato bene e che si è acquistata credibilità. I fabrianesi non potranno ignorare il fatto che in lista abbiamo persone che nella vita si sono rimboccate le maniche e che con intraprendenza hanno, appunto, intrapreso un percorso non semplice ma, credo, molto appagante. Persone che stanno dimostrando che Fabriano ce la potrà fare se riusciremo a valorizzare le ricchezze che abbiamo sotto mano. Basta riconoscerle come purtroppo non siamo stati in grado di fare per troppi anni. Persone quindi che potranno portare la loro esperienza ed essere da esempio, e credo che gli esempi sono le cose di cui abbiamo maggiormente bisogno.
Durante la presentazione di sabato scorso ho parlato della responsabilità che sento di avere non solo nei confronti del gruppo di Fabriano, del lavoro fatto in questi intensi e faticosi 5 anni da Joselito e Sergio e del lavoro immenso ma purtroppo troppo spesso ignorato che sta portando avanti Patrizia a Roma. La responsabilità che sento è anche nei confronti dell’intero Movimento 5 Stelle, di tutti gli attivisti in regione e in Italia. Quegli attivisti che dedicano il loro tempo per il bene degli altri, per un progetto che viaggia esclusivamente sulle nostre gambe. Perché so benissimo che un mio errore si ripercuoterebbe almeno in parte anche su di loro. E’ la responsabilità verso il Movimento, di Fabriano ma anche nazionale, che mi ha convinto a non aspettare l’occasione migliore. Perché se diciamo che il Movimento non è un poltronificio allora dobbiamo avere la coerenza di dimostrarlo. Avrei potuto aspettare le elezioni politiche e tentare l’approdo in Parlamento o attendere qualche anno e provare l’avventura a Bruxelles o a Palazzo Raffaello. Ma non sarebbe stato giusto e avrebbe lanciato un messaggio pessimo. Sarei stato orgoglioso di affrontare questa avventura anche da candidato consigliere e ci avrei messo lo stesso impegno che so ci metterò da candidato sindaco. Anche perché in questi anni se c’è una cosa che ho capito è che quello che si può fare per la comunità lavorando bene sul territorio non ha paragoni: né stando a Roma né stando in regione si riesce a incidere quanto stando nella propria città.
Siete veramente tanti, quasi incredibile quanti! Tutto questo affetto e supporto che ci state dando non è solo per me, è per il gruppo ed è la prova più concreta del grande lavoro che abbiamo fatto in questi anni sempre con la schiena dritta. Chi ci ha seguito ci conosce e sono orgoglioso di far vedere ai nuovi arrivati quanta stima abbiamo raccolto. Nuovi arrivati che sembrano essere stati con noi sa sempre,  tanto è bello il clima che si è già creato. Sappiate, mi rivolgo soprattutto ai i fabrianesi, che non ci accontentiamo dei messaggi. Il nostro progetto funziona se ognuno di voi metterà una piccola parte di se stesso e del proprio tempo. Abbiamo bisogno di ricostruire una comunità e per farlo tutti si dovranno mettere in gioco. Io ci metto tutto me stesso ma voi non potrete stare semplicemente a guardare. Come ho detto qualche giorno fa in risposta a un post, questo non è un reality: non possiamo permetterci di dare una sbirciatina ogni tanto per vedere come va e fermarci a fare commenti. Questa è la vita reale, la nostra vita reale e la vita reale delle persone che amiamo. Cerchiamo di renderla la migliore possibile.

Gabriele Santarelli